top of page

Lo spirito degli alberi - The spirit of the trees

Nei miei viaggi in giro per il mondo e ora nello straordinario universo della Sardegna, ho incontrato rispondenze alla mia passione per gli alberi che spesso ricambiano mostrandomi la loro faccia segreta o parlandomi con un bisbiglio di foglie.

Sono messaggi segreti a tutti, tranne a coloro che sanno guardarli con Amore.

In my travels around the world and now in the extraordinary universe of Sardinia, I have encountered responses to my passion for trees that often reciprocate by showing me their secret face or speaking to me in a whisper of leaves. They are secret messages to everyone, except to those who look at them with Love.


Questo diario comincia con uno dei più straordinari incontri che ho avuto e via via si arricchirà di tanti alberi di cui conservo con cura le immagini nel mio labirintico archivio.

This diary begins with one of the most extraordinary encounters I have had and gradually it will be enriched with many trees whose images I carefully keep in my labyrinthine archive.

Myrtos, Creta. Grecia.

Myrtos, Crete. Greece.

Al centro del villaggio, questo acero gigantesco ha visto passare tutta la storia del luogo. Gli abitanti gli camminano accanto e sembrano non accorgersi dell'espressione della sua faccia che, seminascosta all'interno dell'albero, si burla di loro.

In the center of the village, the impressive maple has seen the whole history of this place. pass through. People walk beside him and seem not to notice the expression of its face which, half hidden inside the tree, makes fun of them.


><


Sorgono. Mandrolisai. Sardegna, Italia.

Sorgono. Mandrolisai. Sardinia, Italy.

Torno alla quercia come alla Grande Madre che mi ha visto nascere e che mi sopravvivrà. Le chiedo di insegnarmi ad essere forte come lei, protesa verso il cielo ma saldamente ancorata alla terra, impavida, sempre, di fronte alle avversità. Mi risponde con un bisbiglio di foglie: “Abbandona le paure! Dimentica il passato. Ignora il futuro. Lasciati pervadere dalla perfezione del momento, Non senti che sei parte di tutto?”

I go back to the oak as to the Great Mother who saw me being born and who will survive me. I ask her to teach me to be strong like her, reaching towards the sky but firmly anchored to the earth, without fear, always, in front of adversity.

She answers me with a whisper of leaves: “Give up your fears! Forget the past. Ignore the future. Let yourself be pervaded by the perfection of this moment, Don't you feel that you are part of everything? "


><


Santa Maria Navarrese, Baunei. Sardegna, Italia.

Santa Maria Navarrese, Baunei. Sardinia, Italy

"...Nella luce dorata, la corteccia spessa e annodata racconta la sua storia..."

"... In the golden light, the thick and knotted bark tells its story ..."


><


Ogliastra, Sardegna. Italia.

Ogliastra, Sardinia. Italy.

Sul sentiero che conduce al mare, ogni giorno passo davanti al grande sughero centenario che ombreggia i tavoli dei bambini della colonia estiva. Mi sembra di sentire il suo profondo respiro unirsi al mio. Quando ritroverò i bambini seduti sotto l'immensa chioma dirò loro che tutto scaturisce da questo respiro: è alla parte verde del mondo vegetale, che dobbiamo quasi tutto l'ossigeno presente nell'atmosfera, gli altri esseri viventi della Terra devono la vita agli alberi.

On the path that leads to the sea, I pass every day in front of the large centenary cork that shades the tables of the children of the summer camp. I seem to feel its deep breath join mine. When I find the children sitting under the immense foliage I will tell them that everything comes from this breath, because it is to the green part of the plant world, source of almost all the oxygen present in the atmosphere, that the other living beings on Earth owe their life.


><


Ilbono. Sardegna. Italia.

Ilbono. Sardinia. Italy.

Dormienti, attenti, tristi o sorridenti, come i segni sui nostri visi umani, anche il vissuto degli alberi lascia un'impronta. Come dice un amico scultore che scolpisce alberi morti o abbattuti dal vento: "Io non creo nulla, svelo solo lo spirito che abita l'albero".

Ho incontrato anche alberi in coppia, eterno amore o eterno conflitto? Questa volta è un'infinita danza.

Sleeping, alert, sad or smiling, like the marks on the face of each of us, also the experience of the trees leaves an imprint. As a sculptor friend who carves dead trees or trees blown down by the wind says: "I do not create anything, I only reveal the spirit that inhabits the tree". I have also met trees in pairs, eternal love or eternal conflict? This time, an endless dance.


><


Kissamos, Creta. Grecia.

Kissamos, Crete. Greece.

Poi ci sono alberi che ti fanno trattenere il fiato perchè come alcune rare persone, il loro carisma è potente e quasi non osi interferire con l'autorevolezza che emanano.

Quel giorno avevo saputo di un concerto in un villaggio sulle montagne di Kissamos e stavo cercando di raggiungerlo, invece mi sono persa e all'improvviso, accanto a me sulla strada sterrata, c'era questo olivo impressionante che sembrava dare ordini alle pecore. Ero così emozionata che ho scattato in fretta per timore di disturbarlo.

Then there are trees that make you hold your breath because like some rare people, their charisma is powerful and you hardly dare to interfere with the authority they emanate.

That day I had heard of a concert in a village in the mountains of Kissamos and I was trying to reach it, instead I got lost and suddenly, next to me on the dirt road, there was this impressive olive tree that seemed to be giving orders to the sheep. I was so excited that I took the shot quickly, almost secretly, for fear of disturbing him.


><


Sardegna. Italia.

Sardinia. Italy.

Ho incontrato questo centenario "gigante" in un grande uliveto scoperto per caso sulla strada per Villamassargia. Quando comprendi lo spirito dell'albero che hai davanti, l'emozione è profonda e percepisci con chiarezza che tra noi e gli alberi non c'è affatto la separazione che crediamo; sono sicura che questi momenti di vicinanza siano importanti anche per gli alberi.

I met this "giant" centenary in a large olive grove discovered by chance on the road to Villamassargia. When you understand the spirit of the tree in front of you, the emotion is deep and you clearly perceive that between us and the trees there is not at all the separation that we believe; I am sure that these moments of closeness are also important for the trees.


><


Elos, Creta. Grecia.

Elos, Crete. Greece.

Di solito gli alberi con una faccia sono vecchi, spesso secolari o millenari, ma mi è capitato anche qualche ragazzino sbalordito come questo e davvero mi piacerebbe sapere che cosa gli è successo.

Trees with a face are usually old, often centuries-old or millennial, but I've also had a few astonished kids like this and I'd really like to know what happened to them.


><


C'è un luogo speciale in cui mi sono imbattuta per caso, un uliveto scoperto in una fuga nei campi durante il lock down. Appena entrata ho percepito subito qualcosa di speciale, una sensazione forte di non essere sola. Passavo in rassegna il terreno vasto e apparentemente abbandonato, ma non vedevo nulla di particolare. Mi sono seduta su un sasso e sono caduta in una specie di torpore, gli occhi fissi su una fila di formiche che procedevano velocemente, ognuna trasportando qualcosa. Quando ho alzato lo sguardo li ho visti, erano proprio davanti a me.

There is a special place I came across by chance, an olive grove discovered in an escape to the fields during the lock down. As soon as I entered, I immediately perceived something special, a strong feeling of not being alone. I scanned the vast and seemingly abandoned land, but saw nothing in particular. I sat down on a stone and fell into a kind of numbness, my eyes fixed on a line of fast-moving ants, each carrying something. When I looked up I saw them, they were right in front of me.

Alberi uccelli! A questo punto voglio saperne di più e alla fine del campo, attraverso un passaggio angusto tra le erbacce alte, accedo a un altro pezzo dell'uliveto, dove ci sono gli alberi più vecchi, uno dei quali mi fa pensare al serpente dell'albero di Adamo ed Eva.

Bird trees! At this point I want to know more and at the end of the field, through a narrow passage between the tall weeds, I access another piece of the olive grove, where are the older trees, one of which makes me think of the snake of the tree of Adam and Eve.

Non lontano un albero bizzarro, forse il più autorevole ma anche il più misterioso. Dalle sue radici ricoperte di morbido muschio, sono spuntati tanti nuovi rami.

Lascio a malincuore l'uliveto, dove tornerò, ancora e ancora molte volte.

Not far away an odd tree, perhaps the most authoritative but also the most mysterious. From its roots covered with soft moss, many new branches have sprung up.

I reluctantly leave the olive grove, where I will return, again and again many times.

Cabras, Oristano. Sardegna, Italia.

Cabras, Oristano. Sardinia, Italy.


><


Ritorno verso l'interno dell'isola, nelle atmosfere primordiali del Supramonte. Sull'altopiano di Baunei, a Golgo, tra gli animali che vivono allo stato brado,mi inoltro in una delle innumerevoli strade sterrate, con buche apocalittiche, diretta a un rifugio, ma sbaglio strada. Cerco il modo di fare inversione di marcia ma non lo trovo, all'improvviso però la strada si apre e mi appare davanti un olivastro centenario, bellissimo, solo in mezzo al nulla, il tronco nodoso scolpito dal tempo.

I return to the interior of the island, in the primordial atmosphere of the Supramonte.

On the plateau of Baunei, in Golgo, among the animals that live in the wild, I enter one of the countless dirt roads, with apocalyptic holes, heading to a shelter, but I am wrong road.

I look for a way to make a U-turn but I can't find it, suddenly the road opens and a centenary olive tree appears in front of me, beautiful, alone in the middle of nothingness, the gnarled trunk sculpted by time.

Con il sorriso stampato sulla faccia penso che come sempre dovevo sbagliare strada per trovarmi al posto giusto.

I smile, thinking that as always I had to take the wrong path, to find myself in the right place.

Girovagando sull'altopiano, accanto a una chiesetta, vedo dei grandi alberi che imponenti sembrano dei guardiani del luogo. Mi avvicino, sono bellissime presenze che hanno attraversato la storia di questo luogo.

Wandering on the plateau, next to a small church, I see large trees that look like guardians of the place. I approach, they are beautiful presences that have crossed the history of this place.

Il sole si sta abbassando all'orizzonte, vedo il paesaggio silenzioso intorno a me arricchirsi di luci ambrate, l'odore delle erbe selvatiche e della terra arsa che finalmente respira è forte.

The sun is lowering on the horizon, I see the silent landscape around me enriched with amber lights, the smell of wild herbs and parched earth that finally breathes is strong.

Golgo, Baunei. Sardegna, Italia.

Golgo, Baunei. Sardinia, Italy.


><


Cammino nel bosco fitto che porta alla quercia antica che chiamo Grande Madre.

Il Mandrolisai, regione storica della Sardegna Centrale, é un tripudio di vigne e foreste , dove oltre a bere dell'ottimo vino, è bello camminare alla scoperta di alberi, animaletti selvatici e tracce archeologiche. Man mano che procedo la vegetazione si fa sempre più fitta, soprattutto cresce la sensazione in me, di non essere sola. Mi giro ogni tanto, a guardare alle mie spalle, ma quelli che risuonano sulle foglie del sentiero sono solo i miei passi. Poi la sensazione diventa ancora più forte, mi fermo, osservo attentamente intorno a me e poi lo vedo... o forse dovrei dire "la vedo": perché quella testa d'albero assomiglia a quella di una donna, una strana donna con una capigliatura di foglie e occhi aperti sul mondo circostante. Mi siedo accanto e rimango lì, ad aspettare che la voce silenziosa dell'albero arrivi alla parte più libera e istintiva di me, per consegnarmi un messaggio.

The Mandrolisai, historical region of Central Sardinia, is a riot of vineyards and forests, where in addition to drinking excellent wine, it is nice to walk to discover trees, wild animals and archaeological traces. As I proceed, the vegetation becomes more and more dense, especially a feeling grows in me, of not being alone. I turn around every now and then, looking over my shoulder, but those that resonate on the leaves of the path are only my steps. Then the feeling becomes even stronger, I stop, I look carefully around me and then I see it ... Or maybe I should say "I see her": because that tree head resembles to a human head, a strange woman with a hair of leaves and eyes open to the surrounding world.

I sit next to her, waiting for the silent voice of the tree to reach the most free and instinctive part of me, to deliver a message.


Continua..

To be continued..


><


"E' agli alberi che bisognerebbe chiedere cos'è il mondo, perché sono loro a > fare mondo < La botanica dovrebbe descrivere tutte le forme di vita capaci di fotosintesi come divinità inumane e materiali, come titani domestici che non ricorrono alla violenza per fondare nuovi mondi" (E. Moccia)

"It is the trees that should be asked what the world is, because it's them >making the world<

Botany should describe all forms of life capable of photosynthesis as inhuman and material deities, as domestic titans who do not resort to violence for found new worlds".

(E. Moccia)





Scorri giù per lasciare un commento - Scroll down to leave a comment


___________

All Images and Original Text © Solo Moles - Travel One 2022

___________



































1.443 visualizzazioni2 commenti

2 comentários


Leggo il commento poetico di Gio' Pisu, anche per me in questo sabato uggioso i tuoi alberi commuovono e fanno sorridere.

Grazie!

Curtir

Giò Pisu
Giò Pisu
21 de mar. de 2021

In questa fredda Domenica di inizio primavera è bello immergersi nella magia delle tue immagini. Grazie Gabriella.

Curtir

Change language

bottom of page