Primo incontro con Baunei

Appena entrata nel territorio di Baunei, salendo lungo i tornanti che da una parte costeggiano la montagna e dall'altra sfiorano il dirupo, ricevo il più bel benvenuto che possa desiderare. Un falco pellegrino volteggia sopra il precipizio alla stessa altezza della mia auto, lo vedo chiaramente nella luce del sole che fa brillare il marrone rossiccio delle sue ali. Quanta libertà e bellezza.


I.D.R.

Il paese appare all'improvviso, aggrappato alla montagna calcarea a 480 metri di altitudine. Alle sue spalle un costone roccioso e tutto intorno una natura incontaminata.

Man mano che mi inoltro nell'entroterra le formazioni di roccia diventano sempre più impressionanti.




Ho sempre amato le pietre e il Supramonte di Baunei è composto da rocce magnifiche che appartengono a ere geologiche diverse e si sono stratificate in 630 milioni di anni; osservo una pietra che parla di questa fantastica avventura.



Come dicevi tu Alessandro, le pietre sono totem. Ed è un totem gigantesco quello a cui sto arrivando, la famosa Pedra Longa, a 128 metri a picco sul mare.



Trasalgo mettendo a fuoco sulla roccia due scalatori appesi a una corda, che salgono lentamente verso la cima.




Le domande che si susseguono nella mia testa portano tutte a un unico interrogativo.

"Cosa li porta lassù?".

Sfidarsi per superare i propri limiti? Affrontare la paura per trasformarla in coraggio?

E cosa occorre imparare?

A lavorare sulla propria consapevolezza forse, o ad allenarsi alla flessibilità di pensiero, ma qualunque cosa sia, immagino che ad attrarre sia soprattutto l'emozione fortissima di trovarsi al di sopra del mondo e così vicino al cielo.



Sono talmente immobile e assorta a guardare i due "uomini ragno", che una lucertolina mi è salita su una gamba, trasalgo per la sorpresa e riesco a fotografarla mentre sgattaiola veloce sul muretto; ha la coda di un verde acceso mentre il corpo è più scuro, che sia una coda appena ricresciuta?

Ridacchio pensando alla leggerezza dei miei pensieri, a questa sensazione che la vita possa essere così, densa di armonia e semplicità. Che il mondo sia silenzioso come questa baia deserta, dove l'unico interrogativo esistenziale sembra essere il colore della coda di una lucertolina.

E' l'Effetto Natura, che con le sue emozioni e bellezza mi infonde sempre equilibrio e serenità.



Prima di ripartire scendo verso il mare, il sentiero di pietra si allunga tra le radici nodose di vecchi lecci, che dialogano con la pietra.




Incontro una giovane coppia di austriaci che cucinano nel loro piccolissimo furgone adibito a camper; chiacchieriamo brevemene, tra solitari ci si riconosce sempre ed è semplice comunicare.



Dalla cima della salita, Pedra Longa mostra il suo lato meno conosciuto e si allontana nel mio orizzonte.



Sto attraversando uno dei territori più selvaggi e incontaminati che ho visto in Sardegna, dicono che questa sia una delle aree maggiormente disabitate d’Europa.

Non mancano però le caprette che fanno risuonare i campanacci su e giù dai crinali. Ne incontro un gruppetto in un piccolo salotto di pietra, ombreggiato da due maestosi carrubi secolari; mi avvicino, mi fissano più curiose che impaurite.





Intanto le montagne si velano di nebbia e mentre risalgo per tornare a Santa Maria Navarrese, una strada sterrata che conduce chissà dove attira la mia attenzione, sembra in cattivo stato e in più costeggia senza alcun riparo il bordo del precipizio, ma decido comunque di imboccarla, l'attrazione della scoperta è irresistibile.




Purtroppo la strada si restringe sempre più, comincio a chiedermi se dovrò tornare in retromarcia visto che non c'è spazio per girare; proseguo sentendo il rumore dei sassi che precipitano nel vuoto al mio passaggio. Finalmente una piazzola, inverto la marcia, parcheggio e proseguo a piedi. Il paesaggio lascia senza fiato, il profumo delle erbe selvatiche impregna l'aria.




La strada arriva davanti a un edificio in rovina dove un cartello spiega che qui, nei primi anni del novecento, aveva sede la Cava Litografica "Su Stabilimentu", dove si estraevano lastre calcaree di ottima qualità, in parte utilizzate come pietra decorativa, in parte per l'incisione delle litografie e la stampa a colori.



Il materiale veniva trasportato alle imbarcazioni ormeggiate vicino alla scogliera, a centinaia di metri di distanza, tramite una teleferica di cui oggi non rimane traccia.

Lastre partite da “Su Stabilimentu” furono impiegate persino nelle strade di Londra.

La cava fu abbandonata nel 1914 per il crollo dei prezzi di questo materiale, .


Ritorno sulla strada asfaltata e nell'universo selvaggio di Baunei in cui rocce e alberi convivono armoniosamente e dove le caprette ne sono gli unici abitanti,







Devo essere una presenza molto insolita per questo capretto che non smette di fissarmi fino a quando risalgo in auto e riparto. A presto!


==============================


“Che errore è stato allontanarsi dalla natura!

Nella sua varietà, nella sua bellezza, nella sua crudeltà,

nella sua infinita, ineguagliabile grandezza

c’è tutto il senso della vita.”

Tiziano Terzani


===============================


All Images and Original Text © Solo Moles - Travel One 2020

Contact solomoles@gmail.com

===============================


Scorri giù per lasciare un commento














536 visualizzazioni4 commenti